1. Home
  2. News & Eventi
  3. VyTA&Fondazione Theodora: Intervista a Nicolò Marzotto

Scopri come VyTA regala sogni e sorrisi ai bambini in ospedale. Leggi l'intervista a Nicolò Marzotto, Presidente Retail Food S.r.L.

VyTA

VyTA, la famosa boulangerie che accompagna i viaggiatori lungo le principali rotte ferroviarie, ha scelto di essere al fianco di Fondazione Theodora Onlus e dei bambini in ospedale. Nicolò Marzotto, Presidente Retail Food S.r.L - VyTA, ci racconta le ragioni del loro generoso gesto:

 

Come ha conosciuto Fondazione Theodora Onlus?

Ho conosciuto Theodora tramite Roberta d'Amelio Poss, che fa parte del Consiglio direttivo. Grazie a Lei ho potuto conoscere la storia e la filosofia che anima le iniziative della Fondazione a sostegno dei bambini ospedalizzati.

 

Quanto è importante l'impegno sociale per voi come Azienda?

Per noi ha sempre rappresentato un impegno da perseguire con convinzione e dedizione.

Il nostro lavoro ci offre l’opportunità di incontrare e far incontrare migliaia di persone ogni giorno, che siano clienti abituali o viaggiatori di passaggio, rappresentano un grande potenziale in termini di visibilità e sostegno a tutte quelle iniziative che coinvolgono la sfera sociale.

 

Come si concretizza il vostro sostegno per Theodora?

Tra le nostre proposte alle clientela, abbiamo il ”Panino Theodora”: per ogni panino venduto, VyTA devolve 1 euro alla Fondazione.

Ogni anno, grazie a questa formula dedicata, riusciamo a dare un buon contributo in termini economici e di visibilità alla Fondazione. Inoltre, offriamo il lunch packet del “Pic-nic di Theodora”, l’evento di beneficenza che si tiene annualmente a Roma.

 

Qual è secondo Lei il valore aggiunto che porta Fondazione Theodora Onlus in ospedale attraverso i Dottor Sogni?

La figura del Dottor Sogni negli ospedali è molto preziosa perché si dedica agli aspetti legati all’emotività del paziente, al suo desiderio di esprimere sentimenti e stati d’animo, che spesso non possono essere seguiti pienamente dal personale medico perché più attivamente concentrato nelle cure.

Riguardo all’universo infantile, trovo che sia davvero importante sostenere i piccoli pazienti nella difficile esperienza del ricovero e donare allegria anche in situazioni di diagnosi purtroppo funeste.